il Registro pubblico delle opposizioni (RPO)


il Registro pubblico delle opposizioni (RPO)

Chiamate indesiderate? Forse, non tutti sanno che esiste il Registro pubblico delle opposizioni (RPO) nato con l’obiettivo di arginare il fenomeno delle chiamate del telemarketing. Il Registro pubblico delle opposizioni è un servizio pubblico e gratuito italiano, che consente al cittadino di opporsi all’utilizzo del proprio numero telefonico, fisso o di cellulare e dell’indirizzo postale per finalità pubblicitarie e ricerche di mercato. La violazione del diritto di opposizione dei contraenti telefonici è disciplinata dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal Regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD), che prevede l’applicazione da parte del Garante per la protezione dei dati personali di sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di euro o per le imprese fino al 4 % del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente, se superiore. Cittadinanzattiva aderisce all’iniziativa del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) per la realizzazione di attività di diffusione e promozione del Registro pubblico delle opposizioni presso i consumatori con l’obiettivo di favorire la piena consapevolezza dei propri diritti e delle modalità di opposizione al trattamento dei dati per finalità commerciali. Per informazioni, assistenza e tutela Cittadinanzattiva mette gratuitamente a disposizione dei cittadini uno sportello telefonico nazionale, raggiungibile al numero…

Petizione “FIRMA ANCHE TU PER LA GESTIONE TOTALMENTE PUBBLICA DELL’ACQUA”

PETIZIONE “FIRMA ANCHE TU PER LA GESTIONE TOTALMENTE PUBBLICA DELL’ACQUA” 22 luglio 2023 – 18 settembre 2023. La Regione Campania con la delibera 312/2023 contro la volontà popolare espressa con Referendum del 2011 , trasforma l’acqua in bene di consumo assoggettata alla concorrenza e al mercato in quanto intende affidare la gestione della Grande Adduzione Primaria di interesse regionale ad una società mista pubblico- privato finanziatore. Firma per chiedere al Presidente del Consiglio Regionale della Campania e al Presidente della Giunta della Regione Campania il ritiro in autotutela della delibera Giunta Regionale 312 del 31 maggio 2023 con la quale si dà indirizzo agli uffici competenti di avviare la predisposizione degli atti propedeutici: – “alla costituzione di una società mista pubblico- privato con maggioranza pubblica e nella forma di una S.p.A.” per la gestione della Grande Adduzione Primaria di interesse regionale; -” all’affidamento a società mista…per la scelta del socio privato della gestione del servizio idrico integrato della Grande Adduzione primaria di interesse regionale ……” e chiedere la che la gestione della Grande Adduzione Primaria di interesse regionale sia affidata ad una società totalmente pubblica. Una firma : la forza di noi cittadini

Orto sociale “Il giardino dei verdi pensieri”

Orto sociale “Il giardino dei verdi pensieri” Il progetto è stato attuato in collaborazione con tirocinanti psicologi, volontari di Cittadinanzattiva e alunni dell’istituto agrario “Sannino-De Cillis” di Ponticelli, allo scopo di offrire ai portatori di disagio psichico una maggiore opportunità di integrazione sociale. Il percorso è finalizzato a far sviluppare e sperimentare le proprie abilità lavorative, maggiori competenze sociali e relazionali, seguendo i ritmi lenti della natura. Sono state effettuate attività che hanno permesso la valutazione delle abilità e dei bisogni dei singoli pazienti per poi orientarli professionalmente ed aiutarli così ad una maggiore indipendenza e autodeterminazione. L‘orto sociale è un progetto che può essere realizzato in diverse strutture, come centri diurni, case di cura, comunità terapeutiche e residenziali. Coinvolge diverse figure professionali, come psicologi, assistenti sociali, terapisti occupazionali e psichiatri. Durante gli incontri ogni paziente è stato informato dagli alunni, dal docente tutor e da altre figure di volontari e operatori della struttura, sulle tipologie di piante da coltivare, sulle tecniche d’irrigazione a gocce, sui principali attrezzi da giardinaggio e sui composti, successivamente hanno preparato il substrato terroso con eliminazione dei detriti: sassi, legnetti e radici, hanno seminato degli ortaggi e delle piante aromatiche con sistemazione delle etichette di…

OSSERVATORIO NAZIONALE PER LA SALUTE EMOTIVA E COMPORTAMENTALE

OSSERVATORIO NAZIONALE PER LA SALUTE EMOTIVA E COMPORTAMENTALE (ON.S.E.C.) 20 Luglio 2023, ore 12.00 Via Toledo 156 – Napoli Su iniziativa del Distretto Rotary 2101 (Campania), che dedica uno dei principali progetti di “Service” alla salute mentale ed al benessere emotivo e comportamentale, Nasce a Napoli “L’Osservatorio Nazionale per la Salute Emotiva e Comportamentale”. Il protocollo d’intesa sarà firmato giovedì 20 Luglio alle 12.00, presso la sede di Federfarma. Interverranno i rappresentanti delle organizzazioni aderenti all’iniziativa: Ugo Oliviero governatore “Distretto Rotary 2101” (Campania), Riccardo Maria Iorio presidente Federfarma Napoli, , Lorenzo Latella segretario regionale “CittadinanzAttiva”, Vincenzo Barretta psichiatra, psicoterapeuta e presidente “Noesis – Associazione per la lotta al disagio psicologico ed alla malattia mentale”. “I disturbi mentali sono stati riconosciuti come una significativa problematica di salute pubblica e una delle principali cause di disabilità in tutto il Mondo, in particolare con la perdita di anni produttivi della vita del soggetto che ne è affetto” – spiega Vincenzo Barretta, che presiederà il nuovo Osservatorio -. “Basti pensare che circa 970 milioni di persone soffrono di disturbi appartenenti all’area della Salute Mentale; a questi vanno aggiunti altre centinaia di milioni di persone che si confrontano con i problemi legati all’ abuso di…

Allarme intramoenia in Campania,Puglia,Liguria,Lazio e Emilia-Romagna

 Urgenza Sanità: pubblicata una nuova analisi di Cittadinanzattiva sulle liste di attesa. Situazione critica in Puglia, allarme intramoenia in Campania. I documenti sono disponibili su www.cittadinanzattiva.it   Cittadinanzattiva ha realizzato nelle scorse settimane una indagine volta a fornire un quadro della situazione dei tempi d’attesa per 6 diverse tipologie di visite specialistiche ed esami diagnostici (visita cardiologica, ginecologica, pneumologica, oncologica, ecografia addominale, mammografia) in 12 grandi Asl di quattro Regioni: Lazio (ASL RM1, ASL RM4, ASL Viterbo), Emilia Romagna (AUSL Bologna, AUSL Reggio Emilia, AUSL Parma), Liguria (AS Ligure 1, AS Ligure 3 e AS Ligure 5) e Puglia (ASL Bari, ASL Lecce, ASL Taranto). Le stesse sono state scelte in base alla disponibilità ed aggiornamento dei dati presenti sulle piattaforme web (per Lazio, Emilia Romagna e Liguria i dati sono aggiornati alla prima settimana di luglio, per la Puglia invece al 21 aprile). Entrando nel merito dell’indagine la Puglia presenta dati molto negativi in quanto al rispetto dei tempi di attesa previsti dal Piano nazionale di governo. Ad esempio nella ASL di Lecce nessuna visita pneumologica con priorità D è garantita entro i 30 giorni previsti; nell’ASL di Bari soltanto il 9,38% delle visite ginecologiche con priorità B e il 14,39% delle ecografie complete all’addome sempre con priorità B, sono garantite entro i…

Il 6° Rapporto Annuale sulla Farmacia

Il Rapporto Annuale sulla Farmacia, giunto nel 2023 alla sua sesta edizione, è coordinato dall’Agenzia di Valutazione Civica di Cittadinanzattiva e realizzato in partnership con Federfarma. Sin dalla sua prima edizione, il Rapporto sulla Farmacia si è focalizzato sul ruolo della farmacia in Italia quale presidio di prossimità, con la finalità generale sia di contribuire a qualificare il rapporto tra farmacia/farmacista e cittadino, in un’ottica di reciproca fiducia, scambio e collaborazione, sia di contribuire a tracciare l’evoluzione della farmacia di comunità alla luce della riorganizzazione dei servizi sanitari territoriali, valorizzando il punto di vista di cittadini e farmacisti; tema quanto mai attuale alla luce della Missione 6 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e della relativa riforma contenuta nel DM 77/2022. Il Rapporto Annuale sulla Farmacia si è confermato nel tempo un efficace strumento di analisi, capace di registrare la dinamica evolutiva della farmacia, impegnata a rispondere ai bisogni di salute di cittadini e comunità nel nostro paese, in periodi di “ordinaria” e “straordinaria” attività, come quella che ha caratterizzato il momento storico dell’emergenza pandemica. Soprattutto, negli anni è diventato sempre più un prezioso strumento di politica pubblica, in grado di coniugare elementi di continuità con aspetti di novità. L’edizione 2023 del Rapporto sulla Farmacia, come già avvenuto per l’edizione 2022, intende…

La Carta della salute globale

Tredici diritti e sessanta azioni concrete per promuovere la salute globale. IL TESTO DELLA CARTA Promuovere la consapevolezza dei cittadini e delle istituzioni e individuare azioni concrete per tutelare la salute globale come stato di benessere biologico, psicologico e sociale e come diritto umano fondamentale. È questo l’intento della Carta civica della salute globale, promossa da Cittadinanzattiva con il coinvolgimento di numerosi soggetti civici ed esperti, che sarà presentata domani 19 novembre, dalle ore 11.30 alle ore 13, a Bastia Umbra nell’ambito della Fiera del consumo consapevole “Fa’ la cosa giusta”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che oltre il 25% delle malattie negli adulti ed oltre il 33% nei bambini sotto i 5 anni siano dovute a cause ambientali evitabili e che siano circa 13 milioni le morti attribuibili annualmente ad esposizioni ambientali, di cui oltre 7 milioni legate al solo inquinamento atmosferico. “Il legame tra salute e ambiente è forse uno degli aspetti più noti dell’approccio alla salute globale; accanto a questo è cresciuta la consapevolezza di come lo stato di salute psicofisica degli individui sia strettamente connesso al godimento dei diritti civili e sociali e ai livelli socio-economici e di istruzione delle persone, e di quanto le disuguaglianze pesino nel raggiungimento degli obiettivi…

Arriva la Carta della qualità e della sicurezza delle cure per i cittadini promossa da CITTADINANZATTIVA e FIASO

Può accadere che un cittadino in condizioni di degenza per un ricovero o dopo un intervento sanitario (ad esempio un’operazione chirurgica) possa contrarre una infezione (infezione correlata all’assistenza o ICA). Questa è tanto più difficile da trattare se deriva da batteri resistenti agli antibiotici (fenomeno dell’antibiotico resistenza). In tali casi, le complicanze possono essere gravi o addirittura portare alla morte.  Per prevenire il verificarsi di infezioni (ICA) e contrastare la diffusione dei batteri negli ambienti ospedalieri e non ospedalieri, la struttura sanitaria si avvale di strumenti di gestione del rischio clinico volti a prevenire e a gestire i rischi infettivi e clinico, di procedure di sanificazione degli ambienti sanitari e di sterilizzazione delle strumentazioni diagnostiche, pratiche cliniche (ad esempio, lavaggio delle mani), per garantire standard di qualità e di sicurezza delle cure nel rispetto delle normative nazionali e delle Raccomandazioni ministeriali. Il controllo del rischio infettivo, la prevenzione delle ICA e il contenimento dell’antibiotico resistenza sono obiettivi che occorre attivamente perseguire, come raccomandato dal Ministero della Salute (PNCAR 2022-2025).   A tal fine, in continuità con l’iniziativa avviata nel 2020, CITTADINANZATTIVA e FIASO, grazie anche al contributo di un board di esperti rappresentanti le istituzioni, i professionisti sanitari, le società scientifiche, le…

Covid, Long Covid e fragilità! BE A.W.A.R.E!

Con il focolaio scoperto a Codogno a fine febbraio 2020, l’Italia è stato il primo Paese europeo ad essere colpito dalla pandemia da Covid-19, un’emergenza senza eguali nella storia contemporanea, fronteggiata in totale assenza di esperienze pregresse e di procedure consolidate e in condizioni di forte carenza di risorse sanitarie da mettere in campo. A distanza di tre anni, lo scenario attuale è fortemente mutato. I dati dei nuovi casi e dei decessi per Covid-19, pubblicati dall’Istituto Superiore Sanità, continuano a diminuire, così come nel resto dell’Europa, secondo l’Ecdc (European Centre for Disease Prevention and Control). La bassa incidenza dei casi e l’alta immunizzazione (in tanti si sono sottoposti ai vaccini anti-Covid e hanno avuto l’infezione da Sars-Cov-2) hanno portato oggi a una fase di “convivenza” con il virus, grazie anche ad una maggiore capacità di gestione della malattia. L’OMS in data 5 maggio ha decretato che il COVID-19 non costituisce più un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (Public Health emergency of International Concern, PHEIC), ma la pandemia sembrava finita già da tempo. Eppure per un’ampia fascia di popolazione può rappresentare ancora una minaccia: sono i pazienti fragili, le persone con patologie e con altre condizioni preesistenti ad essere esposti a maggiori fattori di rischio e a un decorso più grave della malattia. Cardiopatie,…

Farmacie: presentato il V Rapporto di Cittadinanzattiva e Federfarma

Nel 2022 oltre un terzo attive su campagne di prevenzione per patologie croniche e vaccinazioni.  Crescono la richiesta e la fiducia dei cittadini negli equivalenti. Potenziare il ruolo di prossimità della farmacia e la sua funzione di luogo di informazione e divulgazione, la richiesta condivisa da farmacisti e cittadini. SCARICA IL RAPPORTO  I cittadini confermano la loro fiducia nella farmacia come luogo di accesso per informazioni e servizi, in particolare rispetto ai temi della prevenzione e dei farmaci equivalenti. A proposito di prevenzione, il 34% dei farmacisti ha svolto nell’ultimo anno campagne di screening per l’individuazione di soggetti a rischio per patologie croniche: nell’impegnarsi su questo fronte, i farmacisti si sono concentrati su diabete (70,3%), malattie cardiovascolari (48,2%), dislipidemie (35,9%), BPCO (14,4%). Caso a parte merita l’adesione massiccia, nel 2022, per la campagna di prevenzione oncologica del tumore al colon-retto, alla quale ha aderito ben il 78,4% delle farmacie intervistate. Incoraggiante la risposta dei cittadini, che nel 30,8% dei casi hanno partecipato ad almeno uno dei programmi di prevenzione citati. Rispetto ai farmaci equivalenti, nell’ultimo anno l’83,4% dei cittadini ha ricevuto dal farmacista suggerimenti per un loro utilizzo e, al contempo, informazioni sul fatto che il principio attivo sia il medesimo del farmaco originale (lo dichiara il 63,7%…